Candida, il fungo silente: cause, sintomi e rimedi naturali.

La candida è un nemico insidioso, molto più diffuso e pericoloso di quanto non si pensi. Stanchezza, irritabilità, depressione, gonfiore, fastidi intestinali e digestivi, sono i sintomi più comuni della candida intestinale, patologia molto diffusa, contro la quale, la migliore medicina rimane una dieta adeguata.

Per combattere questo importante fastidio è necessario agire su diversi fronti, rinforzando il sistema immunitario e riequilibrando la flora batterica intestinale, entrambi particolarmente suscettibili a comportamenti scorretti soprattutto di tipo alimentare.
Chi soffre di candida vaginale sa che la medicina convenzionale non sempre è sufficiente a combatterla poiché tende a ripresentarsi e vedremo il perché.

Tipologie di candidosi

La candida, come il lievito che usano i fornai, ama i posti caldi, umidi, scuri, ombrosi, ed impera soprattutto in presenza di zuccheri inutilizzati. Se colpisce i bimbi, lo fa tra le pieghe del collo, in bocca o sotto il pannolino. Non vive quindi solo nell’intestino e nelle zone intime, ma sulla pelle, nella bocca, nelle orecchie e in altre aree del corpo silenziosamente, senza dare problemi fino a quando l’equilibrio con gli altri microrganismi non viene alterato. Preferisce la zona inguinale o quella sotto-mammellare nelle persone obese e si sviluppa sotto le unghie nelle persone con le mani umide e spesso nell’acqua. Si sviluppa sul pene maschile e sui capezzoli delle mamme che allattano. Le zone più colpite sono comunque quelle intime, cioè le aree sessuali e riproduttive.

Clinicamente parlando ci sono diverse tipologie di infezioni dovute alla candida, identificate dall’area colpita dalla micosi. 

Candidosi orale – Il fungo in questo caso si accumula sulle mucose orali, causando lesioni color bianco crema, spesso sulla lingua o sulla superficie interna delle guance. Si può estendere però anche al palato, tonsille, gengive e gola. Colpisce più frequentemente bambini e anziani, persone con difese immunitarie ridotte. 

•  Candidosi cutanea – Compare su aree dell’epidermide poco esposte all’aria e/o mantenute umide per tempi prolungati. 

•  Candidosi vaginale o vulvovaginite – Sono a carico degli organi riproduttivi femminili. Causano irritazioni, secrezioni e prurito intenso in area genitale. Colpisce in media 3 donne su 4 almeno una volta nella vita. In caso di candidosi al pene si parla di candida maschile. 

•  Candidosi intestinale – Candidosi che colpisce il tratto enterico.

Segnali dal nostro corpo: i sintomi di un’infezione da candida

Di qualunque tipo sia, è generalmente caratterizzata da una serie di sintomi comuni. Ambienti caldi ed umidi e l’assunzione di alimenti ricchi di zuccheri e lieviti possono peggiorare significativamente la situazione.

  • Aumento secretivo di muco da parte del corpo in risposta alle varie infiammazioni.
  • Mal di testa, cefalee frequenti, sinusiti croniche.
  • Depressione e irritabilità, amnesie, confusione, vertigini, sbalzi d’umore, stati d’ansia, insonnia. 
  • Desiderio smodato per dolci e prodotti lievitati con attacchi esagerati di fame, a cui fa seguito gonfiore. 
  • Parestesie periferiche. 
  • Sindrome da fatica cronica. 
  • Iperattività. 
  • Desiderio forte per l’alcol.

Quali sono le principali cause di candidosi?

Stile di vita: l’odierna vita stressante, l’uso frequente di farmaci, carenze vitaminiche, traumi emotivi, alimentazione industriale e raffinata, concorrono in maniera importante alla formazione di questa situazione.

Equilibrio acido-base: giornalmente, per il normale metabolismo di sostanze che ingeriamo e respiriamo, produciamo scorie sotto forma di sostanze acide. Il nostro corpo ha il compito di neutralizzarle attraverso l’uso di sostanze alcaline che impediscono danni cellulari.

Squilibrio acido-base: favorisce l’acidità e la proliferazione delle micosi. L’acidosi aumenta in caso di mancanza di esercizio fisico, eccesso di fatica, carenza di vitamine, consumo di carne, caffè, tè e tabacco, dolciumi e grassi, inquinamento, stress mentale, etc.

Sistema Immunitario: un sistema immunitario debole non riesce a far fronte all’invasione della candida. Gli ormoni di sintesi (pillola, estrogeni, sostituzione ormonale, ecc.) indebolendo il sistema immunitario favoriscono la crescita dei funghi.

I metalli pesanti: come il mercurio (amalgame dentarie) sono associate ad aumento di candidosi, i farmaci (antibiotici, steroidi, cortisonici, ecc.) sono tutti acidificanti e generano derivati tossici. Soprattutto gli antibiotici sconvolgono la flora batterica distruggendone la parte sana.

Dove iniziare: rimedi naturali e integrazione naturale

Per combattere la Candida in maniera naturale è necessario agire su più fronti, l’inizio migliore è partire da una corretta alimentazione, un’arma tanto semplice quanto potente.

Alimenti da EVITAREAlimenti da INTEGRARE
Pane (e farine lievitate)Pesce
FruttaUova
Bevande zuccherateCarne Magra
AlcoliciRiso integrale
Cibi affumicatiVerdure
Formaggi a pasta duraOlio d’oliva
ArachidiAglio
AcetoCurcuma

In natura esistono piante medicinali che possono aiutare l’organismo a contrastare l’infezione da Candida. Ai rimedi naturali va comunque associata un’alimentazione sana e uno stile di vita attivo. Esistono integratori alimentari che sfruttano i principi attivi di piante medicinali in oli essenziali che, senza provocare effetti indesiderati, agiscono sull’infezione da candida con azioni battericide, antifungine e antivirali, non alterando la flora intestinale. 

  • SEMI DI ANETO (Anethum graveolens L.)

Risultano molto utili per coliche, flatulenza, dispepsia e problemi digestivi, riducendo i livelli di colesterolo e trigliceridi. In ginecologia agiscono positivamente su micosi e sono attivi sulla candida, stimolando la diuresi, con un’azione tonico digestiva in caso di insufficienza biliare. 

[Sahib AS, Mohammmed IH, Sloo SA., Antigiardial effect of Anethum graveolens aqueous extract in children., J Intercut Ethnopharmacol. 2014 Jul-Sept;3(3) :109-12- doi: 10.5455/Jice.20140523104104. Epub 2014 May 25. PubMed PMID: 26401357; Pub Med Central PMCID: PMc4566671.] 

  • AGLIO (Allium sativum L.)

Da sempre si è rivelato un efficace antimicotico naturale ad ampio spettro. La sua specificità è rivolta soprattutto verso la Candida albicans. L’allicina è il principio attivo contenuto nei semi dell’aglio fresco che esplica anche un’ attività antibatterica contro gram+ e gram- (colonie di E.coli multiresistenti ai farmaci) e nematocida contro parassiti intestinali come Entamoeba histolytica, la Giardia lamblia e l’Enterobius vermicularis – ossiuro

[Ankri, S, Mirelman D (1999)., Antimicrobial properties of allicin from garlic., Microbes Infect 2 (2): 125-9. DOI: 10.1016/S 1286-4579(99)80003-3. PMID 10594976.] 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro + sette =